VALLELUNGA: DUE WOLF SUL PODIO, BELLAROSA IPOTECA IL TITOLO

29/09/2010

VALLELUNGA: DUE WOLF SUL PODIO, BELLAROSA IPOTECA IL TITOLO

26/0972010 – Doppio podio per la Wolf GB08 al termine dell’ottavo round del Campionato Italiano Prototipi.

Ivan Bellarosa nelle prove ufficiali di sabato aveva fatto segnare il secondo miglior rilievo cronometrico assoluto con il tempo di 1’32.119, rallentato volontariamente però da Davide Uboldi (Uboldi Corse) nel suo ultimo tentativo, quando aveva la possibilità di conquistare la pole.

In gara il pilota bresciano ha mantenuto la posizione al via e ha in più occasioni cercato di forzare il ritmo, siglando anche il giro più veloce della corsa. Non si è mai creata però una concreta occasione per prendere il comando e il secondo posto finale, oltre a punti preziosi per il campionato, ha consegnato al leader della classifica assoluta anche l’ottavo successo su otto gare in classe CN2, avvicinando ancora di più quello che potrebbe essere uno storico en-plein a fine stagione.

Tra gli altri piloti Avelon sul podio anche Marco Visconti, terzo sotto la bandiera a scacchi, mentre Gianluca Ripoli ha chiuso al dodicesimo posto.

Nella classifica assoluta Bellarosa mantiene la leadership salendo a 108 punti, con sei lunghezze di vantaggio sul suo più diretto avversario.

Da segnalare infine un pretestuoso reclamo presentato dal concorrente Uboldi Corse nei confronti della vettura di Bellarosa, per effetto del quale i risultati di Vallelunga rimarranno sub judice anche dopo l’appuntamento conclusivo del campionato, in programma il prossimo 3 Ottobre a Monza.

Ivan Bellarosa:
“L’esito della gara si è deciso in buona parte in qualifica, probabilmente nel brutto episodio antisportivo alla curva Campagnano di cui si è reso protagonista il mio avversario nella lotta al titolo. Il reclamo che abbiamo subito a fine corsa ha invece quasi dell’incredibile: una contestazione che verte sul pulsante interno dell’estintore, sugli adesivi di sicurezza e su altri particolari del genere credo che rasenti il ridicolo”.